25 maggio 2010

Dagli schizzi e bozzetti alla mascherina da stencil

Ascoltando il rumore della pioggia sulle finestre ho ritrovato quei momenti di calma in cui mi viene la voglia di sfogliare i miei schizzi e bozzetti. Ce ne sono a centinaia; alcuni, inseriti in grossi quaderni, hanno la valenza di piccoli quadri.

Altri stanno in scatole dalle quali posso facilmente prenderli per elaborarli nel momento giusto. Li faccio in continuazione, alterandoli con attività più “produttive” come dipingere, creare gioielli artistici, cucire, fare il giardinaggio, ripristinare e reinventare mobili… A differenza di queste, gli schizzi e bozzetti, però, per un’artista sono una valvola di sfogo di incomparabile spontaneità e freschezza. Riflettono con vivacità il fulcro dell’idea, della visione, del racconto estetico che in futuro potrà essere trasformato in un oggetto più concreto con grande flessibilità. Rappresentano anche un banco di prova sul quale esplorare in profondità la solidità delle nostre idee, delle sensazioni cromatiche, delle forme.
La mia attenzione questa volta è stata catturata da una piccola serie di schizzi pensati per fare delle mascherine da stencil.


Ho deciso di elaborarne uno.


Dopo un taglio a mano con un taglierino ben affilato, ecco il risultato.

Come usare questa mascherina? Vi darò qualche suggerimento nel prossimo post.

4 commenti:

  1. ..oltre a essere bellissimo chissà che infinita pazienza a ritagliarlo!..Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Grazie; questo non è molto grande - c.ca 32X33 cm. Certo, un po' di pazienza bisogna averla... Quelli molto grandi si possono anche tagliare a laser, se uno ha fretta :)

    RispondiElimina
  3. Anonimo18:46

    ciao...ma cosa vuol dire tagliare a laser?..a chi mi devo rivolgere?

    RispondiElimina
  4. Ciao, Anonimo;
    Esistono delle ditte che usano macchine a laser per eseguire dei tagli su diversi materiali. E’ difficile consigliarne una; devi vedere chi, nella zona in cui abiti, fa questo tipo di servizio.

    RispondiElimina