27 aprile 2009

Gioielli dell’alchimista: oro che non luccica

Non è tutto oro quel che luccica… O meglio, per essere prezioso, questo metallo non ha bisogno di essere tirato a lucido. La sua superficie può essere patinata, invecchiata, trattata nel modo in cui si tratta una superficie qualunque. Antonio Piluso lo fa bene, passando così dall’oreficeria classica alla lavorazione da alchimista.
Anello di Antonio Piluso in metallo prezioso non lucido, ma trattato in modo che sembri pietra lavica
Nel suo laboratorio la superficie del metallo perde la lucentezza con processi di ossidazione e si colora di rosso, blu, verde, grigio, bianco… Sembra un’eruzione di metallo prezioso che emerge dalla roccia lavica acquisendo forme scultoree diverse, ornandosi di zaffiri, rubini, perle e diamantiUn altro anello della serie “Oro muto” di Antonio Piluso
La serie Oro muto di questo gioielliere è stata ideata nel 1995 ed è tutt’ora la mia preferita per l’aspetto primordiale che ha.

PILGIO’ - via Caminadella, 6 - Milano

Nessun commento:

Posta un commento