20 settembre 2010

Tra pennello e rastrello

L’avvicinarsi dell’autunno fa pensare di più all’ordinaria manutenzione.
E’ qui che la formula “work@home” (lavoro da casa) spesso mostra il suo lato sia peggiore, che migliore.
Peggiore, perché spesso finisci a fare il giardinaggio invece di compilare dei moduli o finire dei disegni entro la scadenza.
Migliore, perché il tempo è meraviglioso e tu puoi scegliere di goderti la giornata al sole, dedicandoti ai moduli ed ai disegni in un altro momento.
In questi giorni ho scelto una via di mezzo, un po’ lavoro e un po’ piacere, quella di rinfrescare le pareti della Stanza Cipria. E’ rivolta a sud - est, ben illuminata, con due finestre sul giardino.
Per rinfrescare le pareti della Stanza Cipria ho dato una mano di calce che ho colorato con pigmenti in polvere.
Mentre la calce asciugava, mi dedicavo al cucito, usando come base il disimpegno al piano di sopra.
Uso il disimpegno al piano di sopra per dipingere, cucire, leggere, pensare, telefonare o decorare degli oggetti.
E’ una “stanza ad assetto variabile”. Deve assorbire i continui cambiamenti perché la uso sia per dipingere, che per cucire, leggere, pensare, telefonare o decorare degli oggetti.

foto da un vecchio post
Ha una bella atmosfera e colori caldi della mia gamma preferita: quella dei rossi.
Ho dipinto il disimpegno nella gamma dei colori rossi, la mia preferita.

Durante le pause, per rilassarmi, rastrellavo i giardini. Come svago è meglio della macchinetta del caffè in ufficio, almeno per me…

Nessun commento:

Posta un commento