28 febbraio 2010

Marco Polo e le rotte dell'Est

In Serbia, un paese in transizione che sta facendo uno slalom tra mille difficoltà per innovare i propri prodotti e servizi ed inserirsi nel mercato europeo, il nuovo viene molto spesso scambiato per il meglio.
Il ricco assortimento di prodotti italiani e tedeschi nei supermercati della città invita a raggiungere l’irraggiungibile, visto il basso potere d’acquisto della maggioranza della popolazione, e risalta ancora di più la mancanza cronica dell’offerta locale.
Conosco benissimo le potenzialità della Vojvodina ed apprezzo molto la sua ricca tradizione – specie ora che da qui me ne sono andata via.
Spesso si capisce meglio ciò che si aveva solo dopo averlo perso.

Est Europa, casa, stile, architettura

Se Marco Polo fosse ancora vivo, gli spedirei un piccione viaggiatore per pregarlo di fare un salto dalle mie parti. Questo grande mercante del passato capirebbe al volo le bellezze che celano le soffitte e cantine dell’Est, forse meglio dei miei contemporanei concittadini, e farebbe le rotte del commercio ricche di profumi del passato.
Come artista io mi limito a passeggiare per delle ore ad ammirare ed immortalare la ricca eredità culturale, prima che scompaia, prima che si sgretoli, prima che svanisca, scalzata dai parcheggi da mille posti e palazzi di mille piani.
Questi sono gli interni di una casa che il proprietario, un amico, tiene con molto rispetto per la storia della sua famiglia che essa rappresenta e racconta. I mobili sono quelli usati dai suoi nonni, nell'ingresso c'è ancora la borsetta della nonna appesa accanto al suo cappotto, la tovaglia fatta ad uncinetto copre il tavolo nel soggiorno sistemato su un bel tappeto in lana, le foto sulle pareti decorate mostrano i visi solenni, un po' severi, del passato...
Sembra che le persone che vi vissero siano appena uscite da li, andate fuori nel giardino o a fare una passeggiata. L'atmosfera è calma e pacata, immersa nell'ombra, piacevole, fuori dai tempi eppure così autentica ed odierna.
La vita lì potrebbe continuare dal punto in cui si è fermata, senza sobbalzi, senza sussulti, anche nei tempi moderni.
Il "vecchio", il "nuovo", il "meglio"...
E' solo una questione si stile.

stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia

stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia
stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia
stile, tradizionale, interni, casa, Vojvodina, Serbia, tavolo, sedie, mobili,





2 commenti:

  1. Speriamo che questo posto non cambi mai e che tu possa tornare spesso a respirare un'altra aria, disintossicandoti da quello che è diventato il nostro paese!

    RispondiElimina
  2. Danda, è vero, qui ci sono tante cose da salvare e preservare ma l'aria, credimi, NON è tra queste!
    lol
    Non vedo l'ora di prendere una bella boccata d'aria di campagna toscana...

    RispondiElimina