30 marzo 2015

Come tingere le uova di Pasqua

La decorazione delle uova di Pasqua è un evento festoso che stimola la fantasia e la creatività di adulti e bambini in molti paesi. C'è chi lo fa con disegni intricati della tradizione popolare, con semplici colori a tinta unita, con scritte, con tecniche elaborate come intaglio o batik, a mano o con ricalcabili - i modi per farlo sono infiniti.

Uova decorate con decalcabili e uova intagliate, incise o marmorizzate
uova di Pasqua uova di Pasqua
foto via Martha Stewart Living

foto via

uova di Pasqua uova di Pasqua
foto mia foto mia

Nei paesi dell'est si utilizza anche una tecnica che prevede l'uso della piuma d'oca intinta nell'acido (cloridrico o nitrico) per tracciare il disegno sul guscio (svuotato) colorato. Il motivo disegnato così diventa bianco. Ma l'uovo di Pasqua più particolare è quello tinto di rosso; simboleggia fertilità, salute e prosperità e viene mantenuto a vigilare sulla casa fino alla Pasqua successiva.

Se le uova che intendete decorare sono state svuotate e decorerete SOLO i gusci vuoti, potete usare anche colle, brillantini, pennarelli o qualsiasi altro mezzo decorativo disponibile.
Ma se intendete mangiarle, dovete stare attenti ad usare solo ingredienti che non siano nocivi per la salute.

Uova con delicati disegni bianchi e in tinta unita pastello
uova di Pasqua uova di Pasqua
foto via foto mia

Uova colorate con ritagli di seta e uova batik, decorate utilizzando la cera
uova di Pasqua uova di Pasqua
foto via foto via

Per decorare le uova in modo naturale, sano, semplice, divertente e adatto anche ai bimbi potete usare frutta, verdura, tè e alcune spezie, come bucce di cipolla rossa o gialla, barbabietole, spinaci, bietole, paprica, cavoli viola, mirtilli, zafferano, curcuma, tè...

Per preparare il liquido colorante usando le verdure, tritate le verdure e mettetele in una pentola con dell'acqua. Fatele bollire per 20-30 minuti. Lasciate raffreddare il liquido colorante a temperatura ambiente. Versatelo nei contenitori che userete per colorare le uova. Aggiungete un po' di aceto in ogni contenitore (1 cucchiaino). Adagiate le uova in modo che siano completamente sommerse. Mettete i contenitori in frigo affinché le uova raggiungano la colorazione desiderata. Toglietele, asciugatele bene. Potete usare un po' di olio d'oliva per lucidarle.
Per colorare le uova con le bucce di cipolle ne servono circa due manciate per 10 uova.
Mettetene una metà sul fondo della pentola. Adagiategli sopra le uova. Copritele con l'altra metà di bucce, versate acqua in modo che le uova siano ben coperte. Salate e mettete a bollire per circa mezz'ora. Lasciate raffreddare il liquido, togliete le uova ed asciugatele.

Per decorare le uova creando dei disegni graziosi potete usare anche dei fiori e delle belle foglioline, come quelle del prezzemolo, coriandolo, finocchietto o felci.

Tingere le uova in modo naturale e decorarle usando fiori e foglioline
uova di Pasqua
foto via
uova di Pasqua
 foto via  foto via

Lavate le uova e poggiategli sopra le foglioline bagnate. Per farle aderire bene potete anche oliarle. Avvolgete ciascun uovo saldamente con un pezzo di calza di nylon e legate bene.
Mettete le uova in acqua tiepida e cuocete per mezz'ora. Quando sono cotte, raffreddatele con dell'acqua fredda, togliete le calze e le foglioline e asciugatele.

uova di Pasqua
Uova preparate con fiori e foglioline e pronte per essere tinte
foto via

Per avere delle uova puntinate, avvolgetele nella garza, legatele e coloratele.
Potete anche incidere dei motivi e ornamenti usando un oggetto appuntito come un ago o un chiodo. Tingete le uova bollite di un colore vivace, lasciatele asciugare e graffiate delicatamente il guscio.


23 marzo 2015

Patchwork di piastrelle

Mescolare ed abbinare diversi modelli di piastrelle a motivi geometrici per formare un mosaico di colori e disegni a effetto patchwork è una tendenza molto attuale nella decorazione d'interni. Permette di sperimentare una miriade di combinazioni multicolore o monocromatiche ad effetto, sia su pavimenti che su pareti.
piastrelle, effetto patchwork, pavimento, Couleur Carreau,
Piastrelle di Couleur Carreau, foto via

Questa tendenza è adatta a coloro che amano il design, sono innamorati d'arte e desiderano creare un decoro ad impatto, audace e visivamente molto stimolante.
La posa delle piastrelle a patchwork può essere fatta in modo da dominare l'intera stanza o per aggiungere un punto focale in alcune aree, conferendo all'ambiente una maggiore profondità; l'importante è mantenere l'equilibrio nel design.

Si può rivestire un'area, come quella della cucina, su una parete...
piastrelle, effetto patchwork, cucina, Topps Tiles
Piastrelle della collezione Batik di Topps Tiles, foto via

... o sull'alzata.
piastrelle, effetto patchwork, cucina, Marazzi,
Piastrelle in gres porcellanato per pavimenti e rivestimenti della collezione Block di Marazzi

La pavimentazione può essere completa o parziale, per creare un effetto tappeto.
piastrelle, effetto patchwork, pavimento, Philippe Starck
Patchwork di piastrelle di cemento a effetto tappeto nell'albergo La Corniche,
design di Philippe Starck, foto di Philippe Garcia, via

Si può creare un'area rivestita in bagno, attorno al lavandino...
piastrelle, effetto patchwork, bagno,

... o nella zona della doccia.
piastrelle, effetto patchwork, bagno, Tileflair,
Piastrelle della collezione Valentino di Tileflair

Come rivestimento si possono usare delle piastrelle antiche di cui non se ne ha un numero sufficiente per coprire una superficie più estesa. E' un ottimo modo per utilizzare le piastrelle di recupero. Ma ci sono anche tantissime piastrelle di produzione attuale che riprendono stili tradizionali come quello del Marocco, della Spagna o dell'epoca vittoriana.
Ho rivisitato un sito del quale ho già scritto un post in passato, usando di nuovo il loro simulatore online per sperimentare gli accostamenti delle piastrelle ad effetto patchwork.

piastrelle, effetto patchwork, simulatore online,
Questo è solo uno dei tantissimi esempi di composizione che potete fare anche voi se visitate il loro sito.

Oltre alle piastrelle in tonalità del blu che aggiungono subito un tocco mediterraneo agli ambienti, si possono usare i toni neutri del beige e grigio o toni più marcati e grafici, come in questi quattro rendering da me creati per visualizzarne l'effetto.
piastrelle, effetto patchwork, pavimento piastrelle, effetto patchwork, pavimento

piastrelle, effetto patchwork, pavimento piastrelle, effetto patchwork, pavimento

Le piastrelle a patchwork si inseriscono con grazia in un ambiente rustico o classico...
piastrelle, effetto patchwork, Artisan, piastrelle, effetto patchwork, Artisan
Piastrelle Artisan tortora beige e Artisan carbone grey, foto via

... ma funzionano bene anche in spazi moderni.
piastrelle, effetto patchwork, Tagina Ceramiche,
Rivestimento in ceramica Déco d'Antan, Tagina Ceramiche, foto via

In ogni caso vi permetteranno di creare uno spazio super personalizzato.
Si può ottenere un gradevole effetto mosaico di piastrelle anche posando le classiche piastrelle esagonali di colori diversi.
piastrelle esagonali
Pavimento di un appartamento di Barcellona, foto via

piastrelle esagonali,
Rendering di piastrelle esagonali disposte a formare motivi floreali

Se non ve la sentite di affrontare dei lavori impegnativi legati alla posa delle piastrelle nuove a causa del tempo e/o budget limitati, potete ricorrere agli stickers, ideali per rinnovare e ringiovanire velocemente uno spazio.
adesivi murali, wall stickers, azulejos, Moon Wall Stickers,
Stickers Azulejos, foto via Moon Wall Stickers

Guardate questo video per avere un'idea su come si applicano.


Gli wall stickers (wall decals) di vinile autoadesivi (adesivi murali, adesivi da parete decalcabili) sono un modo facile per creare una decorazione e rinnovare un ambiente.


16 marzo 2015

Castello di Spitzer, Serbia, un'altro luogo abbandonato

Se provate a fare una ricerca in internet sugli edifici abbandonati, vedrete comparire una triste realtà che non può lasciare indifferenti: decine e decine di palazzi, ville, chiese, alberghi, abitazioni e addirittura paesi fantasma decaduti e degradati in attesa di tempi migliori o crolli definitivi.

Kolmanskop, città fantasma nel deserto della Namibia
Kolmanskop, Namibia, città abbandonata, ghost town,
foto via Namibia Tourism Board

Kolmanskop, Namibia, città abbandonata, ghost town,
foto via gaftels

Kolmanskop, Namibia, città abbandonata, ghost town,
foto via Damien du Toit

Kolmanskop, Namibia, città abbandonata, ghost town,
foto via Damien du Toit

maniero abbandonato, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
Abandoned Manor via Paul Howzey

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
foto via Maurizio Sorvillo

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
foto via Maurizio Sorvillo

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
Abandoned School via Paul Howzey

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
Abandoned School via Paul Howzey

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
A castle in France via Le Luxographe

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
foto via Marco Orazi

edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
foto via Marco Orazi

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Dead places, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned

Queste immagini ci lasciano sgomenti e allo stesso tempo ci attraggono e ci intrigano. Raffigurano luoghi intrisi di atmosfera e raffinatezza tanto palpabile che sentiamo subito sorgere la domanda: come mai nessuno li salva? Per quale motivo non si cerca di recuperarli?
La risposta, quasi automatica, è che sono stati abbandonati per rovina finanziaria dei loro proprietari e la conseguente mancanza di fondi necessari per la loro manutenzione e/o ristrutturazione.
Non sempre, però, la spiegazione è così schematica.
Intanto, non è una novità. E' solo una realtà diventata più nota e visibile, grazie ad internet. Forse l'innesco del fenomeno di fotografarli si può legare al decadimento della città di Detroit, dove le case avevano un bassissimo valore ancora prima della crisi del mercato immobiliare statunitense del 2007.

100 Abandoned Houses, Detroit, Kevin Bauman, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
100 Abandoned Houses, una serie di foto di Kevin Bauman che ha iniziato a fotografare le case abbandonate di Detroit, la sua città natale, a metà degli anni '90

Questa crisi ha ulteriormente peggiorato le cose e col tempo il numero allucinante di immobili abbandonati (e fotografati) a Detroit è arrivato a c.ca 10-12 mila.

Lee Plaza, The ruins of Detroit, Yves Marchand, Romain Meffre, edifici abbandonati, case abbandonate, abandoned
The ruins of Detroit, una serie di foto di Yves Marchand and Romain Meffre
Lee Plaza, un residence di lusso con servizi alberghieri in stile Art Deco, considerato il più prestigioso di Detroit

Ma succedeva già nel II secolo d.C. in Italia, quando molte ville hanno smesso di essere usate come residenze d'elite dai proprietari.
A causa della riorganizzazione della struttura produttiva delle terre cresceva la preferenza per il ricorso ai coloni nella coltivazione dei fondi e le proprietà eccedenti e superflue venivano spesso divise in lotti più piccoli coltivati in modo autonomo dai coloni e dalle loro famiglie. Il decadimento di alcune ville a metà del III secolo d.C. era relativo anche al dislocamento delle legioni dell'impero romano in altre zone con conseguente decrescita demografica ed economica dell'area.
Molti altri fattori pertinenti complicano la volontà di capire e determinare le cause di un simile fenomeno, mettendoci in guardia contro la semplicistica generalizzazione.
Resta il fatto che oggi siamo testimoni di un vasto trend che, anche se inaccettabile, ormai sembra imbattibile.

Con sconforto vi segnalo un altro palazzo da aggiungere a questo triste elenco.
E' il Castello di Spitzer, vicino a Beocin, in Serbia, che giace trascurato, ignorato, sottovalutato e disprezzato nella completa indifferenza. E' stato progettato da Imre Steindl, l'architetto ungherese che ha progettato il Parlamento di Budapest.
L'edificio, che potrebbe essere un piccolo gioiello del patrimonio della Serbia, sta a malapena in piedi. Gli ornamenti, le vetrate artistiche, gli stucchi, le colonne e le piastrelle che sono ancora lì rappresentano un esempio raro e bello di eclettismo che concilia il classicismo con l'Art Nouveau.
Il tempo passa e i fondi necessari per ripristinarne lo stato originale sono ormai lievitati all'inverosimile, tant'è che l'ultimo potenziale acquirente interessato a rilevarlo, una società slovena che ha disposto la valutazione dei costi della ristrutturazione, avrebbe desistito per l'ammontare insostenibile della spesa necessaria.

Per ora rimangono solo delle vecchie foto ad esibirne il viso sorridente...
Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, stara fotografija Špicerovog dvorca, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
YouTube screenshot via Sanja Jovanovic | Zaboravljeni dvorac

... insieme alle immagini di qualche film realizzato in parte nei suoi interni ed esterni. Mostrano un giardino fiorito, una fontana ormai sparita, un fuoco ancora allegro nel camino Liberty...
Castello di Spitzer, Beocin, Serbia
YouTube screenshot via Stanislav Stankic | Prostor

... rivestito dalle apprezzabili ceramiche della manifattura Zsolnay.
porcellane, piastrelle, ceramiche, Zsolnay
foto via Manifattura di porcellane Zsolnay

La bellezza, dicono, è negli occhi di chi guarda.
Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
foto via Molnar Zoltan

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
foto via wikipedia

Queste immagini simboleggiano la perdita di prosperità e raffigurano dei palazzi fantasma feriti e silenziosi, affreschi che si sgretolano, pareti scrostate, piastrelle rotte, stucchi frantumati e mosaici disintegrati.

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
foto via Michael Turtle

foto via Sapi Gyula

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
foto via Michael Turtle

foto via Michael Turtle

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
foto via Sapi Gyula foto via Sapi Gyula

Ma anche così, invasi dalla sporcizia, imprigionati dalla natura che pian piano prende sopravento, superati dal tempo e condannati a una morte lenta, rimangono a testimoniare l'esistenza di luoghi meravigliosi ed unici del passato, in attesa di un bacio liberatore che ogni Bella Addormentata si aspetta.

YouTube screenshots:
Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via

via

via

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via

via

via

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via

via

via

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via

via

via

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via

via

via

Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned Castello di Spitzer, Beocin, Serbia, edifici abbandonati, case abbandonate, Špicerov dvorac, Beočin, Srbija, Spitzer kastely, Belcseny, Szerbia, abandoned
via  via  via 

Screenshots via Szemeredi Tibor | Spitzer kastely Belcseny e Stanislav Stankic | Prostor